Sindrome femoro-rotulea

37 intro femororotul

Il dolore nella zona anteriore del ginocchio, meglio conosciuto come dolore femoro-rotuleo, è una particolare condizione che coinvolge l’articolazione del ginocchio, manifestando dolore, nella zona anteriore sottostante alla rotula, senza una causa specifica e nota.

L’incidenza del dolore femoro-rotuleo è molto alta, e si stima colpisca circa 22 persone ogni 1000 abitanti ogni anno1-2

Le cause che portano a una condizione di dolore nella parte anteriore del ginocchio possono essere molteplici, vengono citate di seguito le più comuni:

  • Danno anatomico a livello della rotula o della sua cartilagine;
  • Mal posizionamento della rotula, sia ad arto fermo che mentre sto camminando o correndo;
  • Una debolezza muscolare degli arti inferiori (soprattutto del quadricipite e degli extrarotatori dell’anca);
  • Attivazione ritardata del vasto mediale;
  • Rigidità degli arti inferiori3-6.

La sintomatologia prevede un dolore molto intenso nella zona anteriore del ginocchio, talvolta così intenso da doversi fermare e sospendere l’attività fisica. Secondo alcuni autori, nel lungo termine, il dolore femoro-rotuleo ha un’alta probabilità di portare a una condizione di artrosi7-9.

indicazioni della letteratura scientifica sulla sindrome femoro-rotulea

Negli ultimi anni la scienza ha fatto passi enormi nella comprensione di questa condizione dolorosa, analizzando tutte le femororotul 01 variabili che tendono a portare a questo tipo di patologia. Di seguito verranno riportati i punti più importanti evidenziati dalla letteratura scientifica:

  • Il maltracking della rotula (con maltracking si intende uno squilibrio del corretto scorrimento dinamico della rotula) gioca un ruolo chiave nel dolore femoro-rotuleo. Uno studio ha dimostrato, attraverso una risonanza magnetica dinamica, che i pazienti che soffrivano di dolore femoro-rotuleo durante uno squat avevano una maggiore lateralizzazione della rotula e una maggiore inclinazione della stessa rispetto al gruppo sano10. Un altro studio ha mostrato che una rotula ipermobile ha una correlazione significativa con l’incidenza del dolore femoro-rotuleo11.
  • Alcuni autori hanno dimostrato come il maltracking della rotula nei pazienti con dolore femoro-rotuleo è strettamente correlato con uno squilibrio nell’attivazione del vasto mediale e di quello laterale. Nei pazienti con sindrome femoro-rotulea, il vasto laterale si attiva prima di quello mediale, mentre nel gruppo di controllo questa cosa non succede12-13.
  • Alcuni studi riferiscono che un aumento dell’angolo Q dell’anca è associato a sindrome femoro-rotulea14-15. Ciò potrebbe indicare che la causa del maltracking della rotula e lo squilibrio del vasto laterale potrebbe non essere la causa di una disfunzione anatomica, ma la conseguenza di un pattern di movimento scorretto, sia statico che dinamico16-17, creando un disallineamento articolare. Ricerche recenti hanno dimostrato come il disallineamento funzionale non nasce dall’articolazione del ginocchio, ma piuttosto dall’articolazione dell’anca per via di una debolezza dei rotatori esterni (piccolo-medio gluteo)18-19-20.
  • Una rotazione interna della tibia, che porta a un maltracking della rotula, può anche essere dovuta all’eversione della caviglia21-22.

trattamento della sindrome femoro-rotulea in fisio10

femororotul 02All’interno del nostro centro fisioterapico abbiamo un iter ben preciso per la cura del paziente, uno specifico per ogni tipo di patologia o problematica. 

Per affrontare una sindrome femoro-rotulea, come prima cosa, si esegue una visita dal medico specifico, in modo da inquadrare la situazione e definire, assieme al paziente, il percorso riabilitativo più idoneo ed efficace. Il medico dovrà, oltre fare una diagnosi del problema, decidere se la terapia riabilitativa dovrà essere chirurgica o conservativa

Uno studio randomizzato ha dimostrato come, un gruppo di persone con sindrome femoro-rotulea che ha subito un intervento di artroscopia, in combinazione con dei trattamenti fisioterapici, non ha avuto degli effetti positivi maggiori rispetto alla semplice fisioterapia. Pertanto, il trattamento della sindrome femoro-rotulea è principalmente non operativo23

La terapia conservativa consiste nella rimozione del dolore (attraverso terapie strumentali, come la tecar terapia o la laser terapia) e nel lavoro attivo tramite esercizi specifici: questa fase, eseguita all’interno della palestra di rieducazione funzionale, permetterà alla persona di tornare a muoversi correttamente, sistemando tutti quegli atteggiamenti posturali che con il tempo portano tensioni a livello della rotula.

Il focus del nostro centro rimane sempre lo stesso: la salute della persona al primo posto.

 

Bibliografia
  1. Boling M, Padua D, Marshall S, Guskiewicz K, Pyne S, Beutler A (2010) Gender differences in the incidence and prevalence of patellofemoral pain syndrome. Scand J Med Sci Sports 20(5):725–730
  2. Robinson RL, Nee RJ (2007) Analysis of hip strength in females seeking physical therapy treatment for unilateral patellofemoral pain syndrome. J Orthop Sports Phys Ther 37:232–238
  3. Boling M, Padua D, Marshall S, Guskiewicz K, Pyne S, Beutler A. Gender differences in the incidence and prevalence of patellofemoral pain syndrome. Scand J Med Sci Sports 2010; 20: 725–730.
  4. Pappas E, Wong-Tom WM. Prospective predictors of patellofemoral pain syndrome: a systematic review with metaanalysis. Sports Health 2012; 4: 115–120.
  5. Waryasz GR, McDermott AY. Patellofemoral pain syndrome (PFPS): a systematic review of anatomy and potential risk factors. Dyn Med 2008; 7: 9.
  6. Witvrouw E, Lysens R, Bellemans J, Cambier D, Vanderstraeten G. Intrinsic risk factors for the development of anterior knee pain in an athletic population. A two-year prospective study. Am J Sports Med 2000; 28: 480–489.
  7. Myer GD, Ford KR, Barber Foss KD, Goodman A, Ceasar A, Rauh MJ, Divine JG, Hewett TE (2010) The incidence and potential pathomechanics of patellofemoral pain in female athletes. Clin Biomech (Bristol, Avon) 25(7):700–707
  8. Thomas MJ, Wood L, Selfe J, Peat G (2010) Anterior knee pain in younger adults as a precursor to subsequent patellofemoral osteoarthritis: a systematic review. BMC Musculoskelet Disord 11:201–208
  9. Utting MR, Davies G, Newman JH (2005) Is anterior knee pain a predisposing factor to patellofemoral osteoarthritis? Knee 12:362–365
  10. Draper CE, Besier TF, Santos JM, Jennings F, Fredericson M, Gold GE, Beaupre GS, Delp SL (2009) Using real-time MRI to quantify altered joint kinematics in subjects with patellofemoral pain and to evaluate the effects of a patellar brace or sleeve on joint motion. J Orthop Res 27(5):571–577
  11. Witvrouw E, Lysens R, Bellemans J, Cambier D, Vanderstraeten G (2000) Intrinsic risk factors for the development of anterior knee pain in an athletic population. A two-year prospective study. Am J Sports Med 28:480–489
  12. Pal S, Draper CE, Fredericson M, Gold GE, Delp SL, Beaupre GS, Besier TF (2011) Patellar maltracking correlates with vastus medialis activation delay in patellofemoral pain patients. Am J Sports Med 39(3):590–598
  13. Cowan SM, Bennell KL, Hodges PW, Crossley KM, McConnell J (2001) Delayed onset of electromyographic activity of vastus medialis obliquus relative to vastus lateralis in subjects with patellofemoral pain syndrome. Arch Phys Med Rehabil 82(2):183–189
  14. Kaya D, Doral MN (2012) Is there any relationship between Q-angle and lower extremity malalignment? Acta Orthop Traumatol Turc 46(6):416–419
  15. Lankhorst NE, Bierma-Zeinstra SM, van Middelkoop M (2013) Factors associated with patellofemoral pain syndrome: a systematic review. Br J Sports Med 47(4):193–206
  16. Crossley KM, Zhang WJ, Schache AG, Bryant A, Cowan SM (2011) Performance on the single-leg squat task indicates hip abductor muscle function. Am J Sports Med 39:866–873
  17. Petersen W, Ellermann A, Liebau C, Bru¨ggemann GP, Best R, Go¨sele-Koppenburg A, Semsch H, Albasini A, Rembitzki I (2010) Das patellofemorale schmerzsyndrom. Orthopa¨dische Praxis 46(8):34–42
  18. Baldon R, Nakagawa TH, Muniz TB, Amorim CF, Maciel CD, Serra˜o FV (2009) Eccentric hip muscle function in females with and without patellofemoral pain syndrome. J Athl Train 44(5):490–496
  19. Bolgla LA, Malone TR, Umberger BR, Uhl TL (2008) Hip strength and hip and knee kinematics during stair descent in females with and without patellofemoral pain syndrome. J Orthop Sports Phys Ther 38(1):12–16
  20. Brent JL, Myer GD, Ford KR, Hewett TE (2008) A longitudinal examination of hip abduction strength in adolescent males and females. Med Sci Sports Exerc 39:34–45
  21. Levinger P, Gilleard W (2007) Tibia and rearfoot motion and ground reaction forces in subjects with patellofemoral pain syndrome during walking. Gait Posture 25(1):2–8
  22. Petersen W, Ellermann A, Liebau C, Bru¨ggemann GP, Best R, Go¨sele-Koppenburg A, Semsch H, Albasini A, Rembitzki I (2010) Das patellofemorale schmerzsyndrom. Orthopa¨dische Praxis 46(8):34–42
  23. Kettunen JA, Harilainen A, Sandelin J, Schlenzka D, Hietaniemi K, Seitsalo S, Malmivaara A, Kujala UM (2007) Knee arthroscopy and exercise versus exercise only for chronic patellofemoral pain syndrome: a randomized controlled trial. BMC Med 13(5):38–45

 

 

 


Fisio10 Srl Centro Medico Fisioterapico
Dir. San. dott. Francesco Greco Spec. in Ortopedia e Traumatologia
Via Guasti 12/H int.3 Padova - Tel. 049 680 080 Cell. 340 2237025
P.IVA 04573830280 - Autorizzazione sanitaria N. 13/2022